Se stai cercando un modo per iniziare a minare bitcoin in pochi minuti e vuoi sapere di più sul cloud mining, sei nel posto giusto. Ti parleremo della nuova tendenza per estrarre questa preziosa criptomoneta senza la necessità di reperire, installare e gestire alcun tipo di minatore (miner). In questo articolo troverai la nostra recensione di BeMine, una piattaforma di cloud mining da noi testata, sicura e affidabile. Ti forniremo tutti gli elementi che alla fine ti consentiranno di farti un’idea abbastanza chiara per decidere se provare anche tu questo tipo di mining ed iniziare subito a produrre i tuoi bitcoin .

Probabilmente ti starai chiedendo se oggi ha ancora senso minare Bitcoin. Sappi che, a conti fatti, la risposta è SI. Oggi è ancora possibile guadagnare con il mining, ma solo se fatto nel modo giusto. E’ necessario infatti utilizzare hardware adeguato e procurarsi energia elettrica a basso costo. Questo purtroppo rende l’estrazione di Bitcoin difficilmente accessibile. Il cloud mining rappresenta però un’ottima soluzione al problema, in quanto non richiede la necessità di affrontare ingenti investimenti e spendere tanto tempo per mettere in piedi una soluzione di mining efficiente.

Vediamo più da vicino in cosa consiste il cloud mining e come aderire ad una piattaforma sicura e affidabile, evitando di incappare in uno dei tanti servizi scam (truffa) presenti sul web.

Indice:

L’estrazione dei bitcoin (mining)

Nel caso non avessi dimestichezza con l’argomento, eccoti per grandi linee alcune nozioni utili per comprendere cosa significa minare bitcoin.

La blockchain è un registro decentralizzato online che traccia le transazioni in una rete. Un gruppo di transazioni approvate è chiamato blocco (block). Questi blocchi sono legati insieme per creare una catena (chain), da cui il termine blockchain.

Nella rete Bitcoin, l’obiettivo di un minatore è aggiungere singoli blocchi alla blockchain, risolvendo sofisticati problemi matematici. Questa ricerca richiede un’enorme potenza di calcolo e di energia elettrica. Molti minatori competono per aggiungere lo stesso blocco alla catena, ma solo il miner che risolve il problema aggiungerà effettivamente tale blocco insieme alle sue transazioni approvate. Questo miner riceve una ricompensa corrispondente ad un certo numero di bitcoin.

In cosa consiste il Proof-of-Work (PoW)

Per aggiungere un blocco di transazioni alla blockchain, i minatori devono risolvere un complesso problema di matematica computazionale, chiamato anche Proof-of-Work (PoW). In sostanza si tratta di trovare un numero esadecimale di 64 cifre, chiamato hash, che sia minore o uguale all’hash di destinazione.

L’Hardware per minare bitcoin

Un miner non è altro che un dispositivo in grado di generare hash in maniera tale da provare a risolvere il problema per tentativi successivi. In linea di principio, così come avveniva nella realtà anni fa, un normale computer che esegue un software di mining è di fatto un miner.

Tuttavia, la potenza dei miner si misura con la velocità di generazione degli hash, solitamente espressa in megahash al secondo (MH/s), gigahash al secondo (GH/s) o terahash al secondo (TH/s). Tanto maggiore è tale velocità, quanto più alta sarà la probabilità che il miner risolva il problema prima degli altri.

La possibilità che un normale computer produca un hash corretto è ormai prossima allo zero. Per questo motivo i miner sono ormai realizzati impiegando potenti GPU (Graphics Processor Unit) o chip specializzati progettati per lo scopo noti come ASIC (Application Specific Integrated Circuit).

Il problema principale riguarda oggi il costo e la disponibilità di tali miner, e anche il il fatto che l’estrazione di bitcoin richiede ancora una notevole quantità di energia elettrica. Per questo motivo il mining di bitcoin non è più alla portata di tutti, e possono farlo solo coloro che hanno sufficiente capitale e tempo da investire.

Un’alternativa che può ancora consentirti guadagni interessanti è proprio il cloud mining. Come vedremo, in sostanza si tratta di acquistare capacità di mining su dispositivi hardware fisicamente collocati in una qualche mining farm, dove il costo di mantenimento e dell’energia elettrica richiesta è sicuramente molto più competitivo.

Mining Pool

Ammesso che tu voglia ancora minare bitcoin in maniera autonoma, sappi che dovrai comunque ricorrere ai cosiddetti mining pool. Questi aggregano tantissimi minatori che, unendo le proprie risorse, aumentano la probabilità di estrarre Bitcoin. I guadagni vengono suddivisi tra i minatori in base alla capacità di generazione degli hash messa a disposizione del pool, indipendentemente da chi ha realmente estratto le criptomonete.

Minare Bitcoin con il cloud mining

Si tratta di un modello che prevede la possibilità di acquistare capacità di mining su dispositivi hardware fisicamente collocati in una qualche mining farm, dove il costo di mantenimento e dell’energia elettrica richiesta è sicuramente molto più competitivo.

Aderendo ad un cloud mining non fai altro che diventare socio di una mining farm, ovvero proprietario di un miner o di una quota di questo. Devi solo decidere quale cifra investire, chiaramente dopo aver analizzato i possibili guadagni. Le società di cloud mining trattengono come contropartita una piccola percentuale dei proventi. La principale difficoltà forse consiste nel trovare piattaforme affidabili.

In questo articolo troverai tutte le informazioni necessarie per aderire ad un cloud mining sicuro e affidabile. Ti parleremo anche di come analizzare le informazioni per fare le migliori scelte possibili e massimizzare il guadagno.

Perché conviene minare Bitcoin con il cloud mining

Il cloud mining probabilmente è oggi l’unica alternativa possibile per estrarre Bitcoin, a meno che tu non abbia a disposizione capitali importanti e tantissimo tempo per procurarti energia elettrica a basso costo e hardware adeguato. Ormai, direi per fortuna, il mining di bitcoin ha senso solo autoproducendosi l’energia elettrica attraverso per esempio l’impiego del fotovoltaico. Purtroppo ci sono alcune grosse mining farm che hanno optato per alternative poco ecologiche. Riteniamo che questa sia una pratica che va contro l’interesse comune e, comunque, a nostro avviso si tratta di una strategia di business dalle prospettive piuttosto limitate.

Una cosa è certa: a conti fatti, se devi acquistare l’energia elettrica, con il costo KWh che abbiamo attualmente in Italia e considerando l’investimento richiesto per acquistare o assemblare un miner hardware adeguato, alla fine la spesa per estrarre bitcoin supera il guadagno!

Vantaggi e rischi del cloud mining

Vediamo di riassumere tutti i vantaggi del cloud mining:

  • Nessuna necessità di reperire sul mercato i miner (oggi particolarmente difficili da trovare).
  • Accesso ad un business competitivo grazie al costo ridotto dell’energia elettrica utilizzata dal cloud.
  • Servizio attivabile in maniera immediata iniziando a guadagnare già pochi minuti dopo.
  • Nessuno tipo di problema logistico legato alla gestione degli spazi (rumorosità, calore prodotto dai miner, ecc.).
  • Possibilità di minare Bitcoin h24 senza rischi di disservizio legati a rotture hardware, mancanza di corrente, ecc.

Come già detto il principale rischio legato al cloud mining riguarda la possibilità di incappare in vere e proprie truffe. Per questo è particolarmente importante fare attenzione alla piattaforma scelta. Per fortuna in questo articolo ti parliamo BeMine, un servizio affidabile da noi stessi testato ed offerto da una società attiva sul questo mercato ormai da diversi anni.

Cos’è e come funziona BeMine

Si tratta di un’azienda ormai affermata, fondata in Russia all’inizio del 2018, pioniere del cloud mining basato su dispositivi ASIC. La sua capacità di mining è di circa 70.000 TH/s, con farm a Irkutsk, Mosca, nella regione di Chelyabinsk, in Siberia ed in Kazakistan. BeMine unisce i minatori e gli individui che vogliono partecipare alla criptovaluta in tutto il mondo.

Questo servizio di cloud mining ti consente di acquistare un intero ASIC-miner o anche una piccola quota dello stesso(1/100), e quindi di avvicinarti a questo modo senza la necessità di investire cifre importanti.

Non devi fare altro che provvedere al pagamento delle quote di miner che vuoi acquistare. Nel momento in cui finalizzi il pagamento, i tuoi miner saranno immediatamente visibili nel tuo account personale ed inizieranno subito ad estrarre criptovaluta 24 ore su 24 in maniera permanente.

L’importo dei bitcoin estratti verrà visualizzato nel tuo account personale e potrà essere prelevato su carta di credito o su un qualsiasi portafoglio bitcoin. Gli accrediti sul portafoglio di Bemine avvengono su base giornaliera al netto dei costi dell’energia elettrica consumata dai tuoi miner.

Perché scegliere BeMine

Facciamo un breve riassunto dei motivi per cui il cloud mining è oggi la migliore scelta per estrarre bitcoin e del perché BeMine è la piattaforma suggerita per farlo.

  • Il cloud mining rappresenta la scelta migliore per coloro i quali non possono affrontare ingenti investimenti o non hanno a disposizione il tempo richiesto per mettere in piedi un sistema di mining sostenibile dal punto di vista economico e ambientale.
  • E’ necessario valutare attentamente quale piattaforma di cloud mining scegliere, facendo molta attenzione a non incappare in uno dei tanti servizi scam (truffa) presenti sul web.
  • Tra le varie piattaforme di cloud mining disponibili, BeMine rappresenta una scelta affidabile, sicura e soprattutto verificata.

L’iscrizione al cloud mining di BeMine è immediata. Potrai decidere quanto investire e iniziare a minare Bitcoin in pochissimi minuti.

Portafoglio (wallet) di BeMine

Un aspetto importantissimo da tenere presente è che, a differenza di altre piattaforme di cloud mining, BeMine consente realmente di incassare direttamente i Bitcoin estratti su un qualsiasi exchange, da dove potrai quindi convertirli in valuta fiat (euro) e spenderli come ti pare.

Eccoti un esempio concreto di portafoglio BeMine:

minare bitcoin con BeMine

Nel caso non avessi ancora un conto su un exchange affidabile, ti suggeriamo di farlo approfittando della possibilità di avere anche una carta di credito ricaricabile attraverso la quale potrai spendere i guadagni ottenuti dal mining, trading o dallo staking. Leggi l’articolo che abbiamo pubblicato al riguardo: Iniziare a Guadagnare con le Criptovalute senza rischi. Indipendentemente dal fatto che tu voglia convertire o meno i tuoi bitcoin estratti, in ogni caso dovrai avere un conto su un exchange dove poterli depositare e tenerli al sicuro.

Tutti i costi da affrontare per iniziare a minare Bitcoin

Praticamente tutti i costi da affrontare per aderire a BeMine sono inclusi nell’investimento iniziale affrontato per l’acquisto dei miner. BeMine guadagna principalmente sull’acquisto dei miner ed aggiunge dei margini di guadagno aggiuntivi sulle spese per l’energia elettrica ribaltate sugli utenti. Tali spese includono tra l’altro anche gli altri costi associati all’attività di mining (raffreddamento, manutenzione, hosting, ecc.). BeMine applica inoltre una commissione sui prelievi dei Bitcoin estratti che, per cifre superiori a 0.05 BTC, ammonta al 3%.

Aderire al cloud mining di BeMine

Per registrati su BeMine non devi fare altro che accedere alla homepage attraverso questo link e cliccale sul pulsante Sign Up. L’iscrizione è gratuita e non implica alcun impegno all’acquisto di miner. Ti suggeriamo di procedere comunque all’iscrizione in maniera tale che tu possa valutare l’interfaccia dell’area personale e vedere anche le informazioni aggiornate sui miner disponibili.

Continua a leggere questo articolo per avere informazioni sui passi successivi. Se deciderai di acquistare delle quote miner, le tue risorse inizieranno a lavorare all’estrazione dei tuoi bitcoin subito dopo aver finalizzato l’acquisto. Le criptomonete estratte saranno accreditate nel tuo wallet ogni giorno alle 12:00.

homepage di bemine cloud mining

Miglior miner per minare Bitcoin su BeMine

La scelta del miner da acquistare su BeMine è completamente nelle tue mani e purtroppo sul sito non è disponibile alcuna guida al riguardo. Una volta completata la registrazione, nella tua area personale, cliccando sulla voce “Buy ASIC” a sinistra, potrai visualizzare l’elenco dei miner disponibili:

miner bemine

Prima di procedere all’acquisto è quindi importante che tu faccia un’analisi dell’opzione più conveniente.

I miner disponibili su BeMine sono quasi tutti di tipo ASIC. Per ognuno di questi potrai scegliere di acquistarne una quota, il cui valore minimo dipende dallo specifico modello selezionato. Al momento in cui è stato scritto questo articolo la porzione minima acquistabile andava da 1/100 a 1/10. Sul sito di BeMine è inoltre disponibile una stima dei bitcoin prodotti dalla quota minima di ogni miner, al netto dei costi dell’energia elettrica.

Utilizzando il cambio BTC/USD al momento in cui è stato scritto l’articolo (1 BTC = circa 47000$) e le informazioni fornite da BeMine, abbiamo confrontato le diverse alternative di acquisto con l’obiettivo di identificarne quelle più convenienti, ovvero quelle che possano portare ad un recupero dell’investimento nel più breve tempo possibile.

Tale confronto è riportato nella tabella seguente:

Modello Miner
(Quota)
Produzione
24h ($)
Produzione
Mese ($)
Produzione
Anno ($)
Costo
(Bitcoin)
Costo
($)
Rendimento
Annuale
BEMINE OS17+
(2/100)
 0,50 15,00 182,500,00369244 176,2104%
ANTMINER S19PRO
(5/100)
 1,3741,10 500,050,024685 1.178,2 42%
ANTMINER S17
(10/100)
 1,71 51,30 624,150,01178 562,3 111%
ANTMINER T17+
(1/100)
 0,15 4,50 54,750,001413 67,481%
ANTMINER T19
(1/100)
 0,22 6,60 80,300,0047701 227,7 35%
ANTMINER S19PRO
(1/100)
 0,28 8,40 102,200,006737 321,632%

Come puoi vedere esistono differenze significative tra le opzioni disponibili. Per esempio, l’ANTMINER S17 ha un rendimento del 111%, ovvero consente di recuperare completamente l’investimento in meno di 11 mesi. Mentre l’ANTMINER S19PRO ha un rendimento del 32% ed in questo caso per recuperare l’investimento servirebbero circa 3 anni.

E’ doveroso precisare che tale analisi è valida con la situazione attuale in termini di valore del bitcoin, costo dell’energia, costo dei miner, ecc. Il suggerimento è quindi di ripetere questo tipo di analisi prima di procedere al tuo acquisto. Se ti serve una consulenza al riguardo contattaci pure per email all’indirizzo [email protected].

Dobbiamo inoltre sottolineare che le figure di guadagno fornite da BeMine sono leggermente generose. Abbiamo constatato sul campo che il costo dell’energia elettrica, che ricordiamo include anche le spese per il raffreddamento e la manutenzione, per i miner a rendimento migliore incide in media per il 15/20%. A conti fatti, dopo aver monitorato i dati per un periodo di tempo piuttosto breve (forse troppo breve), possiamo darti l’indicazione che i rendimenti riportati nella tabella devono essere mediamente ridotti del 10% circa.

Investimento, guadagno e transazioni

A questo punto i meccanismi per minare Bitcoin con il cloud mining dovrebbero esserti un po’ più chiari. Per iniziare a minare Bitcoin dovrai elaborare una strategia di investimento. Vediamo adesso qual è l’investimento minimo in quote miner e quale potrebbe essere il tuo guadagno in funzione della somma investita. Ti parleremo anche di come effettuare i pagamenti e riscuotere i Bitcoin estratti su BeMine.

Quanto investire nell’acquisto dei miner

Una volta che avrai scelto il miner più conveniente, non sei obbligato ad acquistarne la quota minima. Potrai comprare una porzione maggiore del dispositivo o anche uno o più miner interi. In tal caso guadagno e investimento crescono allo stesso modo, ovvero devono essere moltiplicati per lo stesso fattore.

Se hai in mente di fare un investimento importante, il nostro consiglio è comunque di differenziare, acquistando miner o porzioni di miner diversi. Potresti per esempio acquistare i primi due classificati (ANTMINER S17 e BEMINE OS17+), in maniera tale da ridurre il rischio che eventuali fluttuazioni del costo dell’energia elettrica possano influenzare significativamente le tue entrate.

Allo stato attuale l’investimento minimo corrisponde all’ASIC ANTMINER T17+ ed ammonta a circa 50/60 euro.

Un altro suggerimento è di definire una strategia di investimento incentrata sulla prudenza. Dobbiamo sempre ricordare che la quotazione del bitcoin può subire importanti oscillazioni e che bemine.club, sebbene affidabile e presente sul mercato ormai da diversi anni, è pur sempre un’azienda soggetta al rischio legato all’attività di impresa stessa.

Una possibile strategia potrebbe essere la seguente:

  1. Investi subito un importo adeguato alle tue finanze (per esempio 200, 500, 1000 o 2000 euro).
  2. Ogni sei mesi incassa la metà del tuo guadagno in maniera tale da recuperare circa 1/4 del tuo investimento iniziale.
  3. Reinvesti la rimanente parte di guadagno nell’acquisto di nuove porzioni di miner.

Immaginando un rendimento annuale del 100%, avrai recuperato completamente l’investimento iniziale dopo circa 18/20 mesi e alla fine ti ritroverai miner per un valore doppio rispetto all’investimento iniziale. Da questo momento in poi tutti i proventi del mining saranno al netto dell’investimento iniziale e sarai libero di incassarli o reinvestirli totalmente o parzialmente.

Quanto si guadagna con il cloud mining di BeMine

Come ti abbiamo appena mostrato, al momento in cui è stato scritto questo articolo, il miglior rendimento ottenibile con il miner ASIC ANTMINER S17 è del 111%, da ridurre del 10% circa per quanto detto prima. Questo significa che investendo 1000 euro oggi, tra circa 12 mesi avrai recuperato completamente il tuo investimento e dal quel momento in poi guadagnerai circa 85euro al mese, ovvero 1000 euro l’anno.

In realtà a questo guadagno serve sottrare le commissioni di prelievo del 3% trattenute da Bemine e le spese di trasferimento dei bitcoin da un wallet all’altro. Ragionevolmente il tuo guadagno netto rimarrà comunque superiore a 900 euro l’anno.

Se, come noi, sei convinto che il bitcoin e le criptovalute in generale rivestiranno un ruolo chiave nel futuro dell’economia mondiale, è ragionevole aspettarsi che il valore del bitcoin nel lungo periodo sia destinato a crescere. Se questo avvenisse, il guadagno ottenuto attraverso il cloud mining crescerebbe allo stesso modo. Evidentemente questo tipo di investimento ha ancora più senso se ti aspetti una rivalutazione del bitcoin.

Come pagare i miner (o le frazioni di miner)

Il pagamento dei miner acquistati su BeMine deve essere effettuato in Bitcoin. A questo scopo dovrai caricare delle criptomonete sul wallet di BeMine. Tale operazione può essere effettuata attraverso una carta credito VISA/MASTERCARD o trasferendo Bitcoin da un altro wallet (per esempio su crypto.com o su binance). Dopo aver testato con successo la seconda opzione, ti suggeriamo di sefuire questa strada in quanto consente di semplificare la procedura di acquisto..

Come riscuotere i guadagni

Per riscuotere i Bitcoin estratti è prima necessario aver raggiunto la soglia minima di 0.005 Bitcoin. L’operazione di prelievo dei fondi può essere richiesta dalla propria area personale specificare l’indirizzo del portafoglio di destinazione.

prelevare i bitcoin estratti

Tieni presente che BeMine applica una commissione sui prelievi pari al 3% dell’importo.

Se ormai hai le idee abbastanza chiare, non ti resta altro che accedere a BeMine e procedere all’iscrizione:

VAI SU bemine.club

Approfondimenti sulle criptovalute

Se sei nuovo nel mondo delle criptovalute e non conosci i meccanismi alla base del mining proof-of-wotk (PoW) e della blockchain, è normale che tu possa avere delle perplessità. Il nostro suggerimento è di approfondire un po’ più seriamente l’argomento evitando di perderti tra le centinaia di guide disponibili sul web. Molte di queste sono utili per farsi un’idea di massima, ma non approfondisco sufficientemente l’argomento.

Ti suggeriamo alcune letture utili allo scopo:

Per rimanere aggiornato su questo e altri argomenti iscriviti alla Newsletter.