Se l’invecchiamento della popolazione è un problema importante che presto dovrà essere affrontato seriamente per garantire la sostenibilità dell’intero sistema socio-economico, l’aspetto che nell’immediato riguarda buona parte di noi è il benessere dei nostri cari appartenenti alla cosiddetta categoria delle terza età. E’ vero, la pozione per l’eterna giovinezza purtroppo non è ancora realtà. Esistono tuttavia diversi accorgimenti che è possibile seguire per rimanere giovani nonostante l’avanzare del tempo, focalizzandosi sull’allenamento della mente.

In questo articolo, partendo dall’osservazione di alcune realtà a noi vicine e dalle indicazioni fornite dalla comunità scientifica, vi daremo alcuni suggerimenti su come fare a rimanere giovani e mantenere la mente allenata. Prima ripercorreremo brevemente l’evoluzione nella storia del concetto di vecchiaia.

Indice:

La vecchiaia nella storia

Nell’antica Grecia, per quel che è pervenuto a noi, in tanti consideravano la vecchiaia uguale a saggezza. E anche oggi si additano come esempio Omero (l’autore dell’Iliade e dell’Odissea) per le conoscenze e l’esperienza acquisite con il maturare degli anni e tanti personaggi di spicco, come noti filosofi, che la storia e le loro opere ci hanno fatto virtualmente conoscere. Anche il lariano Plinio il Vecchio era uno di quelli che dava importanza alla vecchiaia, ritenendola fase in cui l’uomo è libero da passioni che quasi sempre lo schiavizzano. Altri contemporanei, penalizzati nel corpo e nella mente da problemi dovuti per l’appunto all’età senile, la consideravano invece una malattia inguaribile, una conclusione amara e penalizzante dell’esistenza.

Significativa a tal proposito la descrizione che ne fece la poetessa Saffo, nativa di Lesbo e vissuta nel 6° secolo a.C.:  

Teme profondamente la mia pelle la vecchiaia / Bianco divenne il capello, un tempo in trecce nere / le ginocchia non mi reggono più / e danzano così leggere come cerbiatto / Ma cosa posso fare?

È ipotizzabile che ella abbia preso, a sostegno del suo giudizio sulla vecchiaia, le problematiche fisiche che caratterizzarono l’arco discendente della propria esistenza; ma quegli effetti sostanzialmente erano comuni alle persone in età avanzata, sia pure in misura e tempi diversi.

Evoluzione dei rimedi

In realtà nell’antichità si conoscevano già alcuni mali dovuti all’invecchiamento, senza conoscerne specificatamente le cause: decadimento fisico e mentale, disidratazione dei tessuti, ridimensionamento della forza e della resistenza fisica, cambio di colore dei capelli passati da quello originario al bianco, abbassamento della vista e altri.

Si sapeva allora che non vi erano rimedi veri e propri, ma solo dei consigli comportamentali che venivano dati agli anziani sia in tema di prevenzione che di gestione al meglio del secondo stadio della vita. Plinio, per esempio, suggeriva a un suo conterraneo di effettuare due passeggiate al giorno, in misura una diversa dall’altra, intervallate da un salutare bagno.

Nel corso degli anni, a partire dal greco Ippocrate, la medicina ha imboccato e raggiunto traguardi, conoscenze e mezzi incommensurabili, per cui alcune problematiche della senilità vengono se non risolte, quantomeno rese tollerabili il più possibile.

I consigli comuni per rimanere giovani

Oggi più di ieri si pongono in primo piano altri problemi per gli anziani, come l’arteriosclerosi che in buona sostanza è l’irrigidimento del sistema aortico con rischi piuttosto seri, tipo pressione alta.

Geriatri e dietologi consigliano giustamente di evitare cibi contenenti grassi nocivi (carni rosse, formaggi stagionati, burro, olio di palma, ecc.) che riducono la fluidità nelle condutture aortiche e di optare per pesce e frutta. Il tutto secondo misura, perché gli eccessi non fanno mai bene.

Abbastanza diffusa è l’idea che la ginnastica, come le passeggiate o le corse a velocità moderata, per tratti e tempi individualmente stabiliti, fatte nel periodo pre-senile siano utili nel predisporre le condizioni per una vecchiaia meno acciaccata e possibilmente più lunga. Su manipolando.it abbiamo già discusso, in generale, di come sia possibile sfruttare la camminata per dimagrire e rimettersi in forma (link).

Altri, per lo stesso obiettivo, guardano all’alimentazione: in aggiunta a quanto suggerito dai medici fanno colazione, pranzo e merendina nel tardo pomeriggio. Alla sera una cena leggerissima: pastina in brodo o una tazza di latte. E una buona dormita è assicurata.

Anche la riduzione di lucidità mentale è una conseguenza significativa dell’età avanzata. Per limitarne o ritardarne gli effetti è consigliabile impegnare la mente in attività che stimolano le funzioni del cervello. Impegnarsi nella lettura, nella soluzione di quiz e parole crociate, nell’operare al computer, nel discutere con amici su tematiche di vario tipo, sono tutte attività utilissime a rimanere giovani e contrastare l’avanzare del tempo.

Il segreto della giovinezza

In aggiunta ai classici rimedi medici, sicuramente utili e necessari per combattere il naturale decadimento fisiologico del corpo, siamo fermamente convinti che la vera soluzione al problema consiste nel tenere la mente il più possibile attiva ed allenata.

Ci sono tantissimi esempi di personaggi di altissimo calibro rimasti intellettualmente giovani sino ad età molto avanzata. Giusto per citarne alcuni: Giulio Andreotti (spentosi a 94 anni); Andrea Camilleri (94 anni); Dario Fo (90 anni); Sandro Pertini (94 anni); Ennio Morricone (92 anni).

Questi personaggi, oltre ad avere seguito molto probabilmente uno stile di vita sano e privo di eccessi, hanno in comune il fatto di aver sempre mantenuto un elevato livello di attività intellettuale. Costoro, essendo rimasti impegnati con le loro attività professionali praticamente sino alla morte, hanno avuto l’opportunità di mantenere il cervello allenato.

La mente va considerata come un muscolo da allenare costantemente. La soluzione è chiara e bisogna solo trovare le giuste modalità per metterla in pratica.

Un curioso e simpaticissimo consiglio, da prendere col sorriso sulle labbra, su come allungare la vita:

Il segreto per vivere a lungo è mangiare la metà, camminare il doppio, ridere il triplo e amare senza misura.

Di autore sconosciuto.

La guida operativa per rimanere giovani

Ti daremo alcuni suggerimenti e spunti che possono rivelarsi preziosi per rimanere giovani il più a lungo possibile, seguendo le orme delle tantissime persone che sono riuscite ad ottenere questo obiettivo. Che tu sia il diretto interessato o un parente, ti suggeriamo di farne tesoro.

1 – Continua ad utilizzare le tue abilità

Spesso, una volta raggiunto l’ambito traguardo del pensionamento, per qualche ragione si tende a mettere da parte le proprie abilità professionali. Niente di più sbagliato.

Qualunque siano le tue competenze, intellettuali o manuali, è importante continuare a prestarle in ambito familiare o all’interno della tua cerchia di amici. Questo ti permetterà di non spegnere quella parte di cervello che hai sempre tenuto attiva.

Se le tue competenze non possono essere applicate nei contesti citati, puoi sempre dedicarti a donare i tuoi saggi suggerimenti ai più giovani che si apprestano ad intraprendere la tua stessa carriera o che hanno bisogno proprio di te per poterlo fare.

2 – Poniti in maniera attiva rispetto alla tecnologia

Rimanere passivamente buona parte della giornata davanti alla TV è sicuramente una pratica assolutamente sconsigliata, soprattutto per una persona avanti con l’età.

Alcuni studi hanno evidenziato invece l’utilità di interagire con le nuove tecnologie. Un suggerimento è di cimentarsi, per esempio, nell’utilizzo di un dispositivo tablet per navigare, usare i social, leggere notizie, ecc. Questo infatti richiede comunque uno sforzo e implica un’attività ed il pieno coinvolgimento di chi lo utilizza.

Ti suggeriamo il modello HUAWEI T5 Mediapad 10 LTE, disponibile su Amazon con quasi 40.000 recensioni e 4.6 stelle. Si tratta di un tablet con delle ottime caratteristiche che, grazie al suo ampio display, è adatto per essere utilizzato anche da persone non più giovani.

– Sistema operativo Android
– Ampio display da 10.1 con risoluzione Full HD
– RAM da 4GB e Memoria interna da 64GB
– Connessione ad alta velocità Wi-Fi o tramite SIM

3 – Dedica tempo alla lettura

Oltre ad utilizzare il tablet per leggere notizie on line, un’altra attività assolutamente consigliata è ovviamente la lettura di libri.

A questo proposito, ti segnaliamo l’opportunità di accedere gratuitamente al formato eBook di moltissimi libri fruibili sul tablet. Ciò che devi fare è aderire, gratuitamente per i primi 30 giorni, a Kindle Unlimited di Amazon. L’iscrizione può essere tranquillamente annullata dal proprio account Amazon anche prima della scadenza del periodo di prova di 30 giorni. Clicca su: Iscriviti Gratuitamente a Amazon Kindle Unlimited.

In alternativa puoi orientarti sul classico formato cartaceo. Per iniziare ti suggeriamo per esempio la vasta bibliografia di Andrea Camilleri reperibile su Amazon cliccando su questo link: Libri Camilleri su Amazon.

4 – Trovati un impegno o una passione

Diversi studi hanno messo in evidenza l’importanza per gli anziani di mantenere la mente occupata per ritardarne l’invecchiamento.

Un altro suggerimento è quindi di identificare un’attività che potrebbe piacerti. Alcuni esempi sono pittura, creazione di piccoli oggetti, coltivazione, giardinaggio e cucina. Puoi tranquillamente cimentarti in una di questa attività pur non avendolo mai fatto in precedenza.

Il giardinaggio è davvero un’ottima scelta e, se non hai a disposizione particolari spazi, può essere praticato anche in balcone. Puoi ricevere direttamente a casa da Amazon alcuni strumenti utilissimi allo scopo.

Suggeriamo di partire da una lettura: L’enciclopedia di piante e fiori. L’opera più completa per pensare, progettare e realizzare il giardino ideale.

Eccoti invece un elenco di strumenti che possono esserti utili:

5 – Non rinunciare alla vita sociale

Un ottimo modo per passare del tempo in compagnia degli amici e, allo stesso tempo, continuare ad allenare la mente per rimanere giovani, è quello di dedicarsi ad un gioco di carte, come ad esempio il burraco. Lo sforzo richiesto per ricordare le regole, le carte utilizzate e le sequenze, è utilissimo a stimolare le capacità cognitive del cervello.

Il suggerimento è anche quello di dedicare del tempo alle attività culturali che possono essere fatte in gruppo, in compagnia di amici o di sconosciuti. Alcuni esempi sono gite di gruppo organizzate, visite a musei, partecipazione a manifestazioni culturali, spettacoli, ecc.

6 – Fai attività sportiva leggera

L’esercizio fisico, oltre a ritardare l’invecchiamento del corpo, aiuta anche a mantenere la mente attiva. Un’ottima soluzione potrebbe essere la ginnastica dolce o, in alternativa, delle lunghe camminate possibilmente in compagnia.

Per iniziare potresti utilizzare questa Mini Cyclette da Casa disponibile su Amazon.


Per rimanere aggiornato su questo e altri argomenti iscriviti alla Newsletter.